Curiosità storiche del trattamento Cranio-Sacrale


La terapia cranio sacrale ha radici molto antiche nella storia dell’uomo .La manipolazione del cranio praticata in India per secoli, fu sviluppata anche dagli Egizi e dagli appartenenti alla cultura dei Paracus in Perù (dal 2000 a.c. al 200 d.c.).

Gli antichi monaci Taoisti già ottomila anni fa conoscevano l’importanza della mobilità cranica, della “pompa sacrale”e “occipitale”nelle pratiche esoteriche per la sublimazione dell’energia .

In tempi più recenti nei primi del 1900, un Osteopata Americano Dott.W.Sutherland,durante i suoi studi sperimentali sull’anatomia cranica , scoprì l’esistenza di un’attività dinamica involontaria che interessa le ossa craniche , l’osso sacro e le meningi cerebro spinali .

Si accorse che era possibile percepire questa attività ritmica manualmente e che questa era indipendente dall’attività cardiaca e respiratoria . Il Dott. Sutherland definì questo sistema fisiologico Ritmo Respiratorio primario. Numerose sono le teorie per spiegare le cause fisiologiche del ritmo respiratorio primario , la più accreditata e legata alle variazioni pressorie del liquor cerebro spinale e ad un’altra teoria che sostiene l’esistenza di una attività pulsatile intrinseca all’interno del sistema nervoso centrale . La ricerca Osteopatica ha dimostrato attraverso sofisticate apparecchiature , l’esistenza di questo ritmo e che questo è connesso alla mobilità delle suture craniche e dell’osso sacro . Il Dott.Sutherland intuì che il sistema respiratorio primario era alla base di tutti gli altri sistemi fisiologici e che era possibile attraverso tocchi delicatissimi intervenire sulle sue alterazioni ritmiche ottenendo importanti effetti terapeutici. Il ritmo respiratorio primario si trova al centro di tre dimensioni (corpo-mente-anima) ed è l’epressione di un’intelligenza profonda del nostro essere che opera al fine di mantenere lo stato di salute originario. Successivamente nel 1970, il Dott. J.Upledger coniò per la prima volta il termine “terapia cranio sacrale” e utilizzò le sue ricerche cliniche su una prospettiva nuova nel campo Osteopatico :l’unificazione corpo mente con un accurato lavoro sui traumi che definì “Somato Emotional Release”.

Il Dott. Upledger divulgò la terapia C.S. non solo alla classe medica ma anche a persone comuni dotate di una certa sensibilità ed interesse . Insegnò anche ai genitori di bambini cerebrolesi che non potevano permettersi a livello economico una terapia quotidiana continuativa per i propri figli.

Un’altro ricercatore di rilievo dei nostri giorni è l’Inglese D.O. Michael Kern che ha portato avanti le scoperte di Sutherland riguardanti le “maree interiori” e ideando l’approccio “Cranio Sacrale Biodinamico”.

 Le “Maree interiori” sono impulsi ritmici vitali ancora più lenti e profondi dell’impulso Cranio Sacrale, la conoscenza e percezione di tale dimensione terapeutica, permette di aiutare un sistema debilitato verso reazioni che possono condurre all’autoguarigione .

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...